Borneo Tattoo | Dayak Tattoo | Spiegazione e Immagini | Guida Completa

Borneo tattoo: in questa guida scoprirai tutto quello che c’è da sapere sui tatuaggi del famoso popolo cacciatore di teste.

Ma cominciamo con un introduzione…

IL BORNEO

Quello che in pochi sanno è che la regione del Borneo è stato la prima terra visitata dagli Europei in Asia. Anche se è stato l’ultimo ad essere mappato.

Il Borneo è la terza isola più grande del mondo con ben sei fiumi navigabili al suo interno. Questo corsi d’acqua furono di vitale importanza per le tribù locali perchè fungeva da strada incrementando i commerci locali.

Borneo tattoo

I DAYAK DEL BORNEO

Il famoso popolo che proviene da Borneo è chiamato Dayak. E in questa guida scopriremo i Dayak Tattoo.

La parola Dayak si può tradurre in “interno” o “interiore” e rappresenta le varie culture native del Borneo, ognuna con una lingua propria e una cultura diversa.

I Dayak sono quasi in tre milioni e vivono di agricoltura, coltivando principalmente riso, zenzero, pepe, cacao e olio di palma.

In antichità erano anche raccoglitori e cacciatori nomadi che vivevano spostandosi nella giungla, ma oggi questa tradizione nomade sta rapidamente scomparendo.

Potrebbe interessarti conoscere un’altra popolazione simile ai Dayak che sono i Kalinga. Clicca qui per leggere la guida sui tatuaggi Kalinga.

LE TRADIZIONI

Quello che sappiamo sui Dayak sono informazioni precarie, l’unica cosa certa è l’adorazione dei loro dei pagani e dei loro spiriti le cui conoscenze e abilità rendevano questa terra la loro casa.

Tra i Dayak, tutta la vita – sia animale che vegetale o umana – è dotata di un aspetto spirituale. Gli spiriti che vivono nella giungla devono sempre essere propiziati e mai offesi.

Secondo alcune credenze Dayak, lui o lei deve chiedere agli spiriti il ​​permesso per dare loro l’opportunità di muoversi: “Nessuno vorrebbe mai fare pipì su uno spirito invisibile che è seduto direttamente davanti a loro e certamente nessuno avrebbe mai pisciato su un albero, non si sa mai di chi fosse quella casa quell’albero e di certo non volevo fare pipì sulla casa di nessuno.

Questo perchè gli spiriti possono essere sia buoni che cattivi. E potrebbero interferire con l’agricoltura in maniera negativa, ad esempio causando una riduzione del raccolto.

Gli spiriti di solito arrivano alle persone attraverso i sogni e persino i tatuatori sono sotto la protezione di uno spirito particolare. Si ritiene che i sogni siano rivelazioni inviate dagli dei, a volte da antenati divinizzati, e tutti i Dayak sono guidati da loro nelle loro faccende quotidiane.

La maggior parte di questo popolo osservava le leggi divine in maniera ferrea e facevano spesso sacrifici umani per compiacere gli dei e gli spiriti.

La caccia delle teste era un rituale che serviva per garantire la prosperità del gruppo e per aumentare la fertilità della terra, tutto a vantaggio della comunità.

BORNEO TATTOO

Ma quello che interessa a noi sono i Borneo tattoo. Si riteneva che il tatuaggio fosse un’attività sacra legata a molti aspetti della tradizionale cultura Dayak, in particolare il culto dello spirito e la caccia alle teste.

Per rappresenta la caccia alle teste veniva inciso sulla pelle un tatuaggio chiamato pantang e veniva posizionato sulle punte delle dita, conosciute come tegulun.

Un antico detto Dayak dice:

“Un corpo non tatuato è invisibile agli dei”.

Se gli uomini erano tatuati per rappresentare la loro forza in battaglia le donne si tatuavano  come prova delle loro conquiste nella tessitura, nella danza e nel canto.

COME TATUAVANO

Il colore dei tatuaggi era di un pigmento nero con sfumature blu. Veniva prelevato tramite la fuliggine del carbone, considerata una sostanza magica con la funzione di allontanare gli spiriti cattivi.

Secondo le credenze inserire una mini scheggia di meteorite o una mini scheggia di osso aumentava il potere magico del tatuaggio.

Lo strumento per tatuare era un bastoncino di legno e come aghi prendevano dell punte di bamboo. Poi con un martelletto, picchiettavano le punte di bambo imbevute di inchiostro sulla pelle.

IL RITO DEL DAYAK TATTOO

Il momento del tatuaggio era un rituale sacro per i Dayak. Durante l’esecuzione tutti i membri più anziani assistevano all’atto.

Il compito del tatuatore comprendeva il tatuaggio e anche un sacrificio agli dei, di solito era fatto con il sangue di una gallina. Durante il rituale le donne cominciavano a cantare insieme.

PER APPROFONDIRE BORNEO TATTO

Per approfondire ti consigliamo la lettura di questo libro. Sono 100 pagine scritte in inglese di facile lettura che approfondisce il mondo dei Dayak concentrandosi anche sui design dei tatuaggi.

IMMAGINI BORNEO TATTOO

Abbiamo selezionato per te alcune immagini dei tatuaggi dei Dayak del Borneo. La maggior parte delle immagini solo della rosa del borneo.

Borneo tattoo Borneo tattoo Borneo tattoo Borneo tattoo