Simbolo della Vita: Significato nei popoli e religioni del Mondo

Simbolo della vita, in questo articolo:

  • INTRO
  • UNALOME
  • OCCHI DEL BUDDHA
  • SVASTIKA
  • FOGLIE D’ACERO / TARTARUGA
  • DENTI DI SQUALO
  • ALBERO DELLA VITA CELTICO
  • CROCE ANSATA
  • ALBERO DELLA VITA NORVEGESE
  • COLIBRI’
  • IL FIORE DELLA VITA
  • SAMSARA
  • YIN YANG
  • SOLE

Tempo di lettura stimato: 5 minuti.

INTRODUZIONE SIMBOLO DELLA VITA

Il simbolo della vita, è qualcosa che viene cercato spesso nel web, e ovviamente, passa anche per il mondo del tatuaggio.

Non è possibile sintetizzare il simbolo in qualcosa di universale, questo perchè ogni popolazione del Mondo possiede qualcosa di unico per identificare lo stesso messaggio.

Quindi in questo articolo andremo a scoprire “il simbolo della vita”, nelle varie parti del mondo.

Continua..

Simbolo della vita

SAK YANT – UNALOME

Iniziamo subito con un simbolo proveniente da Oriente con tantissimo significato.

L’ unalome buddista, è un simbolo che viene utilizzato tantissimo nei tatuaggi magici sak yant.

La sua forma rappresenta il “percorso della consapevolezza”.

Racconta la vita di ogni individuo quando inizia il suo percorso spirituale, sintetizzato cosi:

  • Nascita quindi il caos mentale
  • Inizio delle domande esistenziali
  • Consapevolezza che la vita è sofferenza
  • Accettazione della propria vita

Si crede che, arrivati all’accettazione che la vita è sofferenza, uno dei mantra buddisti principe, si comincia a vivere per davvero, ed è proprio in quel momento, che inizia le felicità terrena.

Perchè nella vita, anche per il “più felice”, la vita è sofferenza, solo che ha accettato e quindi cambiato prospettiva nella vita.

BUDDISMO – OCCHI DEL BUDDHA

Nel Buddismo, troviamo una ricca simbologia, impossibile citarne anche solo una millesima parte.

Ma possiamo parlare degli “occhi del Buddha”, o più conosciuti come “gli occhi della saggezza”.

Nel libro: “Buddisti Tibetani: emblemi spirituali“, troviamo alcune parole:

“Gli occhi del Buddha rappresentano la capacità di visione illuminata della vita.

Un simbolo di saggezza con la quale possiamo risvegliare il nostro potenziale per riuscire ad osservare chiaramente oltre alle cose materiali viste con la normale coppia di occhi.

Con il terzo occhio al centro vediamo la verità, aldilà della confusione mondana e degli inganni di avidità, odio, e ignoranza che portano alla sofferenza.

È l’occhio che vede il Dharma e illumina l’oscurità della vita. Etc…”

Questo simbolo, è spesso associato alla “visione del Buddha”.

Un’ altro bel simbolo ricco di positività.

Potrebbe interessarti approfondire tatuaggi buddisti.

INDUISMO – SVASTIKA

La svastika, conosciuta ai più come il simbolo del Nazismo, ha invece una storia più antica, e un significato quasi contrario, a ciò a cui siamo abituati pensare.

I nazisti presero la svastika come simbolo, perchè credevano che provenissero dagli Ari, un popolo di origine indo europea, di cui pensavano fosse partita la loro “razza ariana”, caratterizzata da uomini di carnagione bianca, con tratti somatici caratterizzati da capelli biondi e occhi azzurri.

Nella verità, la svastika è il simbolo del sole per i popoli Induisti, e quindi simbolo della vita.

Scientificamente parlando, la vita è concessa ai viventi grazie al calore del sole, ecco perchè consideriamo la svastika come simbolo della vita.

Nel libro: “Simbologia Induista“, citiamo alcune parole utili:

“Il termine deriva dal sanscrito “svastika” e possiede due significati, “Sv” significa “buono” e “Asti” significa “essere.

La parola sostanzialmente si traduce in “essere buono” o “essere con un sé superiore”.  

Al contrario del senso attribuitogli dall’occidente, la svastica rappresenta la pace, l’onestà, la verità, la stabilità e la purezza dell’anima.

Questo simbolo viene utilizzato principalmente come rappresentazione di buona fortuna e altre volte viene anche usato per rappresentare il sole.

La geometria possiede delle braccia ad angolo retto, questo testimonia che le divinità possono essere catturate dall’intuizione e non dall’intelletto.

Le braccia ad angolo retto devono sempre  essere rivolte verso destra, questo perché se  capovolte rappresentano la magia e la notte.

La sua forma ricorda una croce con quattro braccia che puntano in quattro diverse direzioni, questo descrive i quattro libri sacri dei Veda che rappresentano l’onnipresenza della natura eterna dell’assoluto. Etc…”

Abbiamo scritto un articolo sulla croce svastika, per approfondire clicca li.

MOMIJI / LE FOGLIE D’ACERO GIAPPONESI / LA TARTARUGA

Per il fascinoso popolo Giapponese, troviamo le foglie d’acero, nei famosi irezumi, i tatuaggi giapponesi.

Le momiji, raffigurano l’autunno e sono l’emblema di questa stagione in special modo indicano il mese di ottobre.

Rappresentano la piena maturità ma anche la breve bellezza della vita.

Come per i sakura, anche le foglie d’acero sono molto presenti nei bellissimi giardini giapponesi.

Sempre nel tatuaggio Giapponese, troviamo anche la tartaruga.

La tartaruga rappresenta la “siccità che la vita può offrire” o la “scarsità delle opportunità che la vita può offrire”.

Ecco la il tatuaggio di una tartaruga può indicare il proprio percorso di vita, forgiato dalla resilienza.

DENTI DI SQUALO – MAORI

Per gli antichi popoli della Polinesia, gli squali rappresentavano i defunti.

I denti degli squali, utilizzati anche per costruire armi, erano associati alla vita.

Nel libro: “Maori Segni distintivi“, troviamo alcune parole:

“In primis portano protezione al possessore e poi lo aiutano come una guida nel sentiero della vita.

Inoltre rappresentano la forza e la ferocia il battaglia del guerriero con questo tatuaggio. Etc..”

Consigliamo la lettura del libro a chi ha tatuaggi maori, perchè all’interno trovi gli originali motivi e disegni che si tatuavano davvero, e non quelli inventati moderni che si tatua la gente.

Se hai un amico con un tatuaggio maori, sarebbe un bel regalo, così può vedere se si è tatuato una verità o un disegno commerciale.

ALBERO DELLA VITA – CELTI

Negli antichi celti troviamo l’albero della vita che rappresenta la rinascita.

Per comprendere meglio l’albero della vita riportiamo alcune parole del libro: “Celti simboli spirituali“, dove trattano il simbolo dell’albero vitale:

“L’albero della vita è un simbolo e un archetipo che fa parte del mondo della mitologia molto legato soprattutto alla tradizione celtica.

L’immagine dell’albero della vita accompagna molte religioni e credenze, con il significato principale di  un albero che serve a rappresentare il mondo e l’universo, oppure una particolare genealogia, assumendo il significato di albero genealogico.

A volte l’albero della vita assume il significato di albero della conoscenza che connette il mondo in cui viviamo con l’oltretomba o con il paradiso. L’albero della vita viene definito come un albero mistico e magico e costituisce un simbolo proprio di numerose culture fin da tempi molto antichi.

In generale questo albero simboleggia la fonte della vita con alcune sfumature differenti nelle varie culture. Nell’ albero della vita troviamo alcune parti principali: le radici, il tronco, le foglie e diversi tipi di frutti che maturano sullo stesso albero”. Etc..

CROCE DI HANK – EGIZI

La croce di Ansata, è la croce con in testa l’occhiello.

Nelle raffigurazioni egizie nelle tombe, era sempre in mano ai faraoni o agli Dei.

Aveva la croce ansata in mano rappresentava la vita.

Potrebbe interessarti approfondire simboli egizi.

YGGDRASIL – L’ALBERO DELLA VIA NORVEGESE

Yggdrasil è la versione dei popoli vichinghi dell’albero della vita.

Secondo la mitologia norrena, Odino, il capo di tutti gli Dei, sacrificò un occhio appeso a testa in giù per nove notti, sull’albero, per apprendere la profonda conoscenza, la lettura delle rune.

Nelle rune, la rune Solevo, la S in versione fulmine, utilizzata anche dai corpi speciali tedeschi nella seconda guerra mondiale, le SS, rappresenterebbe la vitalità e quindi la vita.

COLIBRI’ – NATIVI

Per gli indiani d’America, popoli sterminati dall’avidità del “diavolo bianco”, troviamo una ricca spiritualità e grandi insegnamenti di vita, sempre nel rispetto della madre terra e degli esseri viventi.

Questo perchè, per i veri nativi americani, ogni essere vivente doveva essere rispettato, e il loro codice elencava virtù, quali lealtà, condivisione e sincerità nella propria comunità.

Nel libro “Simbologia nativa“, troviamo alcune parole su un animale associato alla vita:

“I colibrì sono volatili molto belli, sempre raffigurati in coppia. Indicano la devozione, la permanenza, l’eternità e i cicli della vita. Etc..”

Sempre per i nativi, troviamo il simbolo del cerchio, che rappresenta però il ciclo vita – morte. A tal propositivo ti consigliamo di approfondire i simboli di rinascita nel Mondo.

Potrebbe interessarti approfondire tatuaggi indiani.

IL FIORE DELLA VITA

Il fiore della vita è un fiore dalle forme geometriche.

Numerose sono state le culture che lo hanno inglobato nella loro simbologia; cristiani copti, Etruschi, Cinesi, Ebrei, Celti ed Egizi.

Potrebbe interessarti approfondire il fiore della vita.

IL SAMSARA

Il Samsara simbolo assomiglia molto ad una ruota, quindi qualcosa che gira in un loop infinito.

A guardarlo bene, assomiglia proprio a una ruota, oppure ad un timone, ma comunque a qualcosa di circolare.

Quindi questa sua forma circolare rappresenta un viaggio infinito, e infatti, nella religione Induista, indica proprio un concetto simile l l’infinito: la reincarnazione.

Il termine sanscrito ( è la lingua più antica del mondo ) Saṃsāra si traduce in devanāgarī संसार, che si può “comprendere” in ”scorrere insieme”.

Rappresenta il ciclo vita morte rinascita, nel Brahmanesimo, il Buddhismo, il Giainismo e l’Induismo.

YIN YANG – TAOISMO

Il simbolo dello yin yang rappresenta la famosa lotta tra il bene e il male per prevalere sull’altro.

Per questo motivo è considerato il simbolo dell’ equilibrio nella vita.

Questa rappresentazione è l’emblema della filosofia Taoista cinese.

Potrebbe interessarti approfondire simbolo taoismo.

IL SOLE

Il sole è quella cosa che garantisce la vita sulla terra.

Il sole è energia pulita e gratuita concessa dall’universo a tutti noi esseri viventi.

Esistono pure leggendo di persone che smettono di mangiare e rimangono in vita grazie alla sola energia del sole.

Non ci credi? Vai a leggere l’articolo del tatuaggio sole.

SERPENTE

Il serpente, come lo etichetta la Bibbia, rappresenta il peccato.

Quindi in occidente, il simbolo del serpente ci ricorda una vita peccaminosa, quindi non corretta.

In oriente invece, è l’esatto contrario, il serpente viene visto come qualcosa di positivo, da vedere o incrociare nel nostro cammino.

Potrebbe interessarti approfondire tatuaggio serpente.

SIMBOLO DELLA VITA CONCLUSIONI

Abbiamo elencato il simbolo della vita nei vari popoli del Mondo.

Ovviamente è una lettura superficiale, ma può aprire la mente a diversi spunti riflessivi.